Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Convegno "Finanza etica ed economia sociale"
Articolo pubblicato online il 28 ottobre 2008
Stampare logo imprimer

Salone amministrazione provinciale di Reggio Calabria - 30 ottobre ore 15.30

Parco sociale di Forte Petrazza, Messina - 31 ottobre ore 08.30

Il convegno "Finanza Etica ed Economia Sociale" costituisce un’importante premessa ai temi della finanza eticamente orientata e dell’economia solidale nella prospettiva dell’apertura di una nuova filiale di Banca Etica nell’Area dello Stretto.

L’incontro prevede la partecipazione di autorevoli rappresentanti delle Istituzioni, Università, Consorzi, Cooperative, del Presidente della "Piattaforma per l’Economia Sociale per l’Area dello Stretto" Gianni Pensabene (tra i promotori dell’iniziativa) nonché la presenza di Fabio Salviato e Tommaso Marino (rispettivamente Presidente e Vice-Presidente di Banca Etica) che chiuderanno formalmente i lavori al termine di ogni sessione.

L’apertura di una nuova filiale di Banca Etica nell’Area dello Stretto segnerebbe una presenza importante per le logiche che hanno animato il progetto Banca Etica e che da anni attraversano trasversalmente le organizzazioni del terzo Settore, del volontariato, della cooperazione sociale, dell’associazionismo. Il convegno offrirà ai cittadini, alle imprese eticamente orientate e alle istituzioni locali la possibilità di un pubblico confronto il cui scopo precipuo si risolve in un’indagine sui legami tra le due sponde dello Stretto; tale riflessione avverrà attraverso un criterio centrato sulla integrazione territoriale incoraggiata e fortificata dall’economia solidale e dagli strumenti della finanza etica, nella lucida consapevolezza che l’approccio locale finisce inevitabilmente per incrociarsi con quello globale.
Parallelamente la Piattaforma per l’Economia Sociale per l’Area dello Stretto, coerentemente con il proprio orientamento originale che si dispiega nel coordinamento di un ricco ventaglio di attori attivi su temi aggreganti (tra cui il consumo solidale, i servizi alle persone e alle imprese, la comunicazione sociale, l’inserimento lavorativo delle fasce deboli), si pone l’obiettivo di sviluppare le proprie dinamiche seguendo una logica di reciprocità con le istituzioni e tutte le reti coinvolte presenti nel territorio.
L’incontro offrirà, inoltre, l’occasione di approfondire i temi della finanza legata a valori etici, ai processi innovativi e alle relazioni sociali, nel contesto di un costruttivo antagonismo alla tradizionale finanza speculativa.

Il programma si snoda attraverso due incontri previsti per giovedì 30 ottobre e venerdì 31 ottobre. Il primo tavolo avrà luogo nel Salone Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, alle ore 15:30; ad aprire ufficialmente i lavori sarà Gianni Pensabene (Presidente della Piattaforma) cui seguirà il Saluto delle autorità nelle persone del Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti e del Presidente della Provincia Giuseppe Morabito. Gli approfondimenti previsti ruoteranno intorno all’Area dello Stetto e le possibilità di integrazione tra le due sponde, cui farà seguito un confronto sulle debolezze e le capacità competitive delle imprese coinvolte nel sociale ed eticamente orientate. Da queste premesse sarà possibile penetrare il terreno della finanza etica e delle strategie utilizzate per coniugare il territorio e l’economia sociale.
La seconda ed ultima data del convegno prevista nella cornice di Forte Petrazza a Messina, interesserà le reti finanziarie etiche e prevede un ampio dibattito sui nuovi paradigmi interpretativi dell’economia meridionale. Il saluto delle autorità sarà officiato dall’Assessore del Comune di Messina On. Fortunato Romano, e dal Presidente della Provincia Nanni Ricevuto.

Ufficio Stampa Horcynus Orca

Forum
Rispondere all’articolo


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33