Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

A 100 anni dal terremoto i pittori messinesi raccontano la loro città
Articolo pubblicato online il 24 ottobre 2008
Stampare logo imprimer

Nell’ambito delle celebrazioni per il centenario del terremoto di Messina del 28 dicembre del 1908, su progetto del Comitato Cittadino "100 Messinesi per Messina 2MILA8" e con il coordinamento del Centro Turistico Giovanile, giorno 26 ottobre 2008 a piazza Antonello si terrà una importante performance artistica, che vedrà impegnati 15 artisti messinesi tra i più conosciuti.
Pino Coletta, Fortunato Del Dotto, Gina Giuliano, Giovanni Guglielmo, Pietro Mantilla, Mariella Marini, Claudio Militti, Stello Quartarone, Maria Rando, Rosa Rigano, Dimitri Salonia, Bruno Samperi, Alfredo Santoro, Demetrio Scopelliti e Piero Serboli esterneranno in contemporanea ed ex tempore " dalla tela alla genesi comunicativa", sul tema proposto dal Comitato - "A 100 anni dal terremoto i pittori messinesi raccontano la loro città" -per "spaziare tra passato e memoria (storica e/o personalizzata), contemporaneità e sentimenti, futuro e speranze".
Due fotografi artisti, anch’essi messinesi, Teresa Mazza e Sandro Messina, documenteranno con i loro scatti lo sviluppo artistico che verrà delineandosi non tra le mura di uno studio, ma in piazza, tra la gente.
L’evento è sponsorizzato dalla Confcommercio di Messina, che ha aderito alla richiesta di acquistare le opere d’arte, che insieme alle foto andranno a costituire una mostra che sarà aperta dal 22 dicembre al 9 gennaio 2009, nella fase conclusiva delle celebrazioni del centenario, anche perchè la città sappia che le imprese cittadine contribuirono fattivamente ai primi soccorsi e alla ricostruzione della città, dopo il tragico evento.
Appuntamento, quindi, a piazza Antonello alle 9,30 del 26 ottobre con il concerto di una banda musicale in rappresentanza dei 48 casali che strutturano il territorio messinese. Mentre gli artisti saranno impegnati alle tele , nel Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni si terrà un incontro-studio su:" La piazza, anima e cultura dei Popoli" , per puntare l’obiettivo sugli spazi pubblici da recuperare e restituire alla collettività. Alle ore 16,00 animeranno la piazza la poetessa Maria Costa ed il cantautore Gianno Argurio, prima della conclusione col saluto agli artisti.
Tutta la manifestazione si deve all’impegno del prof. Pepé Spatari, che ne ha curato personalmente tutti gli aspetti, insieme al Comitato "100 Messinesi per Messina 2MILA8", (di cui mi onoro di far parte), superando difficoltà organizzative, mancanza di risorse finanziarie, nessuna sovvenzione pubblica in aggiunta alla scarsa attenzione su un fondamentale evento della nostra storia cittadina.

Downloads File da inviare:
  • i_pittori_messinesi_a_Piazza_Antonello.jpg
  • 104.3 Kb / JPEG
Forum
Rispondere all’articolo


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33